Educazione

Qualche mese fa mi hanno colpito le parole di Antonio Albanese:

“Mi preoccupano l’egoismo e la stupidità, l’individualismo menefreghista. Si sta perdendo il rispetto, la gentilezza, il valore dei rapporti veri. Parlo delle piccole cose. Un esaurimento nervoso non arriva per una notizia, ma da una somma.
Se butti un mozzicone per terra o nel posto sbagliato, stai facendo un danno non solo agli altri, all’ambiente, ma anche a te stesso. La città è anche tua.
Bisogna ripartire dai fondamentali. Pratico e ho insegnato ai miei figli gentilezza, garbo, rispetto. Serve più serenità, saper individuare a chi credere per non farsi travolgere dalla centrifuga: fermarsi, capire cosa ci è finito dentro.
Bisogna ascoltarsi, sentirsi di più.”

C’è poco da aggiungere a questo pensiero.

Vivo quotidianamente questa problematica incivile e incolpare solo i giovani sarebbe riduttivo. Che siano i maggiori responsabili è vero. La poca maturità non da diritto al menefreghismo e allora? Educazione. Si, sempre questa piccola grande parolina: “Educazione”.
L’educazione è fondamentale nell’età della crescita, nei passaggi cruciali della vita, quando si inizia a guardare il mondo fuori con i propri occhi, non quelli della famiglia.
Educazione però è una parola che, nel nostro paese ha più il sapore di normativa, regole, giudizio, “qualcosa cui obbedire”, qualcosa da dover diventare.
E questo è un grosso ostacolo.

We Have All the Time in the World – Louis Armstrong #4

Dati

E’ sicuramente il più grande tema sonoro della saga filmografica di James Bond. La musica per la canzone è stata composta da John Barry, con i testi di Hal David. John Barry aveva già lavorato ai film di Sean Connery – James Bond e aveva anche arrangiato l’iconico tema principale di Monty Norman “James Bond Theme”.
Hal David è stato uno dei cantautori di maggior successo al mondo nella storia della musica popolare. Meglio conosciuto per la sua collaborazione con Burt Bacharach, è stato dietro alcuni dei più grandi successi degli anni ’50, ’60 e ’70, tra cui “Magic Moments”, “Walk on By” e “I Say a Little Prayer”.
Nel 1969, Louis Armstrong era una star iconica del jazz e della musica popolare, era noto per la voce roca immediatamente riconoscibile e per il suo modo di suonare la tromba molto influente.

Tuttavia, Louis era troppo malato per suonare la sua tromba in quel momento, fu quindi sostituito da un altro musicista. Secondo quanto riferito, fu l’ultima sessione di registrazione di Louis prima di morire nel 1971.
La canzone è stata pubblicata come singolo sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito, nel dicembre 1969. Sorprendentemente, all’epoca non figurava in nessuno dei due paesi. Ebbe finalmente successo nel Regno Unito 25 anni dopo. Nel 1994, è stato utilizzata in una pubblicità di birra Guinness. Questa riedizione lo ha visto raggiungere il terzo posto nelle classifiche del Regno Unito.
Louis Armstrong, nel frattempo si era spento nel 1971: un infarto portò via per sempre il suo sorriso e la sua contagiosa voglia di vivere, ma non riuscì a far dimenticare il grande lascito e l’influenza del jazzista sulla storia della musica, che aveva un debito infinito nei suoi confronti. Nonostante l’insuccesso iniziale We have all the time in the world, il suo capolavoro incompreso e postumo, era riuscito alla fine a strappare se non proprio tutto, almeno un po’ di tempo al mondo per rendergli giustizia.

Pensiero

Sono legatissimo a questo brano. E’ stato ed è ancora una delle colonne portanti della mia vita.
Tra le canzoni più belle d’amore mai registrate, ogniqualvolta che ascolto We have all the time in the world, mi prende un magone, una fitta al petto che si trasforma in brividi, e mi fa accapponare la pelle, e lo fa ancora in maniera fantastica dopo 50 anni.

Quando la registrazione ebbe inizio Armstrong vi mise tutto se stesso, riuscì a imprimere in We have all the times in the world un’emozione palpabile e commovente, facendo quasi trapelare la consapevolezza e la malinconia di chi vive i suoi ultimi anni e vede sfuggire via a poco a poco la bellezza della vita.

Tra tutte le canzoni belle che hanno accompagnato la mia esistenza, questa è quasi sicuramente quella più importante. Non è facile spiegare le sensazioni che provo, un forte sentimento che, attraverso il suono, mi inebria della bellezza della vita. Emozioni che solo la musica riesce a donarmi e le parole per quanto sincere non riescono ad esprimere.

Passi

Ho percorso cunicoli sotterranei verso ogni direzione.
Grandi spazi segreti che attraversavano terre incolte.
Giardini, colline e montagne dove lo sguardo non arriva.

Ho intarsiato la mia libertà, con lavori duri.
Gonfi di sangue pulsante con spine nella testa.
Un passo dietro l’altro, ancora oggi avanzo.

Io e la musica

I primi anni

La mia passione per la musica inizia verso i sette, otto anni.
I miei coetanei stavano fuori in strada a giocare e io in casa vicino alla radio ad ascoltare “Un disco per l’estate“. Mi piacevano le canzonette e avevo facilità nell’impararle a memoria.
Siamo nella seconda metà degli anni sessanta, i Beatles imperversano e la musica rock dopo la sua nascita negli anni cinquanta mette definitivamente le sue radici sfornando una serie di capolavori che rimarranno per sempre nella storia musicale mondiale.

Il boom economico a cavallo degli anni sessanta mise, tra l’altro, in cantiere, una miriade di nuove nascite che riempirono tutte le ‘classi scolastiche’ già dal 1970. I doppi turni furono all’ordine del giorno ed io, ne fui partecipe fin dalla prima media con il turno pomeridiano. Non era positivo andare a scuola alle 13:30, limitava notevolmente la crescita ludica e amichevole visto che la mattina non era particolarmente indicata alla socializzazione. Nel mio caso però, amante della musica, un lato positivo ce l’aveva: la radio, rai tre e non solo.

La giornata iniziava alle nove, orario di alzata dal letto, alle 9:30 musica leggera con Luciano Minghetti su radio Capodistria e alle 10 musica classica su radio rai tre.
La musica classica ebbe una enorme importanza nella mia formazione o meglio esperienza di ascolto sonoro. Mentre facevo i compiti era un’ottima compagnia, non invadeva i pensieri e allo stesso tempo suggestionava la mente.
Se pochi anni prima avevo una grande facilità ad imparare i testi delle canzonette leggere, con la musica classica la facilità era memorizzare la vita dei compositori. Leggevo la vita e le opere dei grandi musicisti nell’enciclopedia “Capire“. Ero affascinato dalla loro vita, tanto da incamerare nella mia memoria tutte le date, le opere e le vicissitudini dei vari Mozart, Bach, Beethoven ecc. ecc. Va da se che i due professori di musica che si sono avvicendati alle medie, mi portarono in palmo di mano. Era strano per loro, avere uno scolaro che amasse così tanto la musica classica da conoscere molto bene: vita, morte e miracoli dei più grandi musicisti classici di tutti i tempi.

Imagine

Ricordo come fosse ora, la prima volta che fu trasmessa a radio Capodistria da Minghetti “Imagine” di John Lennon. Fu un fulmine a ciel sereno, un avvenimento che stravolse il mio ‘ascolto’ e probabilmente quello di molti altri nel mondo.
Le mie orecchie, nonostante l’età, non erano certo inesperte all’ascolto di canzoni e musica ma quel brano fu ‘rivoluzionario’, era perfetto: voce, pianoforte, melodia, il tutto talmente bene assemblato da rendere quella canzone un gioiello unico e raro nel panorama musicale universale.

Se dalle canzonette leggere italiane passai alla musica classica certamente non leggera, con “Imagine” di Lennon, il mio interesse al suono cambiò ancora o meglio, si affiancò alla classica in un parallelo asincrono anche se non del tutto anormale.


Finirono le scuole medie, i doppi turni e con essi anche l’ascolto della musica classica. Siamo a metà anni settanta, tra i più intensi e profondi periodi della produzione musicale mondiale. Il panorama che mi veniva offerto era talmente interessante e soprattutto attuale che la “classica” mi era diventata stretta e anacronistica. Era più importante vivere il mio tempo, vivere il suono dell’epoca che stavo vivendo. Sicuramente era più costruttivo di qualsiasi altra cosa, vista la mia età. Non bastasse, nascevano programmi come ‘Per voi giovani‘, ‘Supersonic‘ e pochi altri che iniettavano nella nostra quotidianità e senza saperlo nella nostra vita, dosi sonore particolarmente interessanti da formare basi musicali fondamentali.

Sempre radio e non solo

La radio è sempre stata e in parte lo è ancora, l’elemento unico ed essenziale della mia formazione e passione musicale. Compagna fedele fin dalla tenera età, anche nella seconda metà degli anni settanta ha un ruolo fondamentale e determinante nella mia formazione. Programmi come ‘Popoff‘ e ‘Stereonotte‘ tra gli altri, mi fecero conoscere musicisti internazionali, soprattutto americani, di grande valore.
La radio quindi, è sempre stata la struttura che ha accompagnato la mia esistenza.
Oltre alla radio però, i primi anni settanta vedono la luce i primi giradischi stereo alla portata di tutti.

Non restavo più nella pelle nell’attesa del primo acquisto veramente importante della mia vita: lo stereo del Reader’s Digest, pagato a rate non so per quanti anni. Sono in prima superiore, nel gennaio 1974 e ho da pochi giorni compiuto quindici anni. Questo giradischi mi accompagnerà per i cinque anni delle superiori. I soldi per comprare i dischi non ne avevo molti ma grazie ad una occupazione lavorativa pomeridiana, riuscivo a permettermi diversi acquisti, alcuni fatti anche i negozi non proprio vicini come il Nannucci di Bologna, dove si potevano trovare dischi di importazione, difficili da trovare.

Le riviste

Se la radio ebbe un’importanza magistrale, notevole valore lo ebbero anche le riviste. La prima in assoluto fu Ciao 2001, che comprai per diversi anni, un settimanale informativo di musica rock che strizzava l’occhio ai personaggi più in voga del momento. Fu comunque molto importante perché diede visibilità anche a musicisti italiani che altrimenti sarebbero rimasti nell’ombra. La prima rivista veramente importante per la mia formazione fu il mensile Muzak. Il primo numero uscì nell’ottobre del 1973 e fu per me una vera rivelazione. Su Muzak cominciai a scoprire (anche) il Jazz, genere musicale che come la Classica non apparteneva propriamente al presente ma aveva un valore sociale e politico assai più importante. Fu grazie a Muzak che cominciai ad ascoltare Coltrane, Davis e tanti altri “mostri” che fecero la storia della musica Jazz. Muzak dopo pochi anni chiuse per riaprire poco dopo con lo stesso nome ma con uno sguardo più rivolto al sociale che alla musica. Anche questa sua seconda rinascita fu molto importante per la mia formazione ‘sociale-politica’ ma la musica fu messa in secondo piano. Probabilmente anche per questo nacque Gong, un altro interessante mensile diretto da quel genio di Riccardo Bertoncelli. Anche questa rivista però non ebbe vita facile e dopo pochi numeri chiuse i battenti definitivamente.
Sempre in questi anni vengono alla luce altre nuove riviste, un rifluire quasi inaspettato di mensili musicali: Il Mucchio Selvaggio nel ’77, Rocherilla nel ’78, L’Ultimo Buscadero nel ’81 e successivamente Velvet nel ’88, tra quelli che ricordo, entrarono nelle case di tutti gli appassionati di musica.

Pausa

Riepilogando. Dopo le canzonette leggere da hit parade, disco per l’estate ed esperienze simili, avute tra gli otto e i dodici anni, dopo la prima adolescenza con la musica “Classica” e un primo approccio al “Rock” avvenuto tra gli undici e i quattordici anni, dopo un’intensa vita sonora con radio, riviste, dischi e cassette, con rock e jazz che mi hanno accompagnato tra i quattordici e i diciannove anni, entrai in una pausa molto pesante.
Dopo la maturità ho cominciato subito a lavorare in una cooperativa con turni e orari fuori dalla norma, che non lasciarono spazio a nessuna passione e quindi anche alla musica. Siamo nel ’78 il Punk era appena nato e cominciava ad espandersi a macchia d’olio.
Non vissi quel momento, che nella storia della musica ebbe un effetto rivoluzionario e per certi aspetti devastante. Fino al 1981, quando cambiai lavoro, fui allo scuro delle novità musicali. Una pausa involontaria, dovuta a causa di forza maggiore.
Un po’ alla volta dal 1982, ripresi in mano la situazione cercando di recuperare il tempo e la musica perduta. Non mi fu difficile, tutto il materiale era recuperabile, le riviste e la radio, ancora una volta, furono indispensabili.

Ripresa

Due elementi sono stati davvero importanti per la mia ripresa sonora: il mensile “Ultimo Buscadero” e la trasmissione radiofonica della rai “Stereonotte“.
Se l’informazione musicale cartacea abbondava non lo era quella via etere. Stereonotte infatti era l’unico, almeno a livello nazionale, programma cult radiofonico. Iniziava dopo mezzanotte per proseguire fino alle sei di mattina. Visto l’orario, la trasmissione aveva uno zoccolo duro di ascoltatori, certamente attenti a appassionati musicali.
Siamo nel 1982, il punk nato pochi anni prima in Inghilterra e soprattutto il post-punk si stava affermando anche qui in Italia e Stereonotte quindi, aveva molto materiale da mettere al fuoco. Certo l’orario infausto soprattutto per chi lavorava di giorno, non permetteva un completo ascolto, ma parziale, almeno nelle prime ore della notte.
Passano gli anni, passano gli anni ottanta, per tanti bistrattati e per molti, come il sottoscritto, molto importanti. La seconda metà infatti, sforna una serie di dischi che rimarranno impressi, importanti e profondi nella mia memoria. Morrison, Hiatt, Smiths, Chapman, Talking Heads, Waits, Cave, Gabriel, REM, e tanti altri, incidono dischi che rimarranno immortali.

I novanta

Questa decade, raggiunti i trent’anni, con un nuovo lavoro e una famiglia da poco creata, non attenua la mia passione musicale anzi la rafforza. Dopo oltre trent’anni di ascolto attento, la maturità e l’esperienza sonora, affina ancora di più il mio “orecchio” critico. Ascolto molti dischi, moltissimi, e questo mi aiuta a discernere. Certo non ci sono particolari innovazioni, il più è già stato fatto e dopo la tabula rasa della rivoluzione punk, non c’è molto altro da dire. Questa è l’opinione pubblica e in parte mi trova d’accordo.

Musica e internet

Gli anni duemila portano la rivoluzione internet e con essa anche l’ascolto musicale cambia. La fruizione sonora dopo gli anni novanta che ha visto il decadimento degli LP in favore dei CD, muove i primi passi con lo streaming. Tra i primi servizi c’è Last.fm, fondato nel 2002, a cui seguiranno moltissimi altri. Il CD vende ancora, il supporto fisico mantiene ancora il suo fascino ma un po’ alla volta negli anni a venire perderà la supremazia.
Gli anni duemila vedono la nascita anche dei blog, spazi personali di condivisione. Ed è un bellissimo periodo. La possibilità di scambiarsi idee, opinioni in ogni campo compresa la musica, ha del rivoluzionario come mai prima. Anche i non addetti ai lavori, hanno la possibilità di esprimere il proprio pensiero su un dato argomento e in questo caso, personalmente, su i dischi in ascolto.
Dal 2006 comincio a scrivere le mie impressioni su dischi vecchi e nuovi. Recensire è un termine serio che non mi sento di appropriarmi, lo lascio volentieri a giornalisti-critici delle testate nazionali.
“Attento ascoltatore ai suoni del mondo” è il termine che più mi si addice.

Ora

Gli anni duemiladieci sono proseguiti sulla scia della decade precedente, molte uscite, poche vere innovazioni. Dopo settant’anni di nuova musica dove per “nuova” intendo il rock nato nei primi anni ’50, è assai difficile creare qualcosa di nuovo… ma non è un problema!
Il bello della musica, dei dischi, delle canzoni è che non hanno tempo. Ascoltare un brano degli anni sessanta o duemilaventi, da’ sempre un’emozione. Molto probabilmente nel primo caso sarà legato anche un ricordo e questo rafforza l’ascolto, mentre nel secondo si cercherà la vibrazione che stimola l’apparato uditivo e di conseguenza la mente, in ogni caso, la musica è vibrazione ed emozione, e poco conta se recente o degli anni passati.
Non mi prolungo in teorie o sequele musicali, questa in sintesi è stata e continua ad essere la mia storia legata alla passione per la musica, iniziata con la fanciullezza e proseguita per ogni fase della vita. Ogni periodo è legato a ricordi sulla famiglia, sul lavoro, sugli amici, sulla scuola, e ogni periodo è legato a un qualcosa di musicale, che sia un disco o un brano, la mia vita è collegata a doppio filo con del suono, dei testi, delle canzoni.

Arte

L’arte è il significato e la creazione, nascoste dietro una bellezza e comprende ogni attività umana portata a forme di creatività e di espressione estetica, poggiando su accorgimenti tecnici, abilità innate o acquisite e norme comportamentali derivanti dallo studio e dall’esperienza. Pertanto l’arte è un linguaggio, ossia la capacità di trasmettere emozioni e messaggi. Tuttavia non esiste un unico linguaggio artistico e neppure un unico codice inequivocabile di interpretazione.Nel suo significato più sublime l’arte è l’espressione estetica dell’interiorità e dell’animo umano. Rispecchia le opinioni, i sentimenti e i pensieri dell’artista nell’ambito sociale, morale, culturale, etico o religioso del suo periodo storico. (Wikipedia)

Si può amare ogni forma di arte: Pittura, Scultura, Architettura, Letteratura, Danza, Teatro, Cinema ecc. ecc. io ho sempre amato e continuo ad amare la Musica, colonna portante del mio esistere.

The Chieftains

Non sempre è possibile individuare con precisione il momento in cui un artista, o un gruppo di artisti, valica la linea d’ombra tra l’elité e il mito. Per i Chieftains, uno dei pochi ensemble musicali diventati il simbolo di una nazione, questo coincide con l’uscita e il successo di Barry Lyndon, il capolavoro con cui Kubrick prende atto dell’impossibilità dell’uomo di progredire. Nel 1975 il film al botteghino non fu un successo ma la colonna sonora agì da detonatore sullo spirito di un tempo in cui la musica popolare stava diventando rifugio sicuro per i tanti delusi da un rock che iniziava a dare i segni di una decadenza da Babilonia. Grazie ai Chieftains, il grande pubblico scoprì lo straordinario patrimonio musicale irlandese – qualcosa di molto simile a quello che ha fatto di Tolkien l’alfiere della riscoperta di miti e fiabe celtiche.

Negli anni ’50 l’Irlanda era percorsa dalla febbre per il rock’n’roll e farsi vedere in giro con un violino significava sembrare un gay agli occhi di tutti” racconta Sean Keane, il violista entrato nella band insieme a Peadar Mercier (bodhran) e Derek Bell (arpa celtica) in occasione della registrazione del quarto album, aggiungendosi così al nucleo originario formato alla fine degli anni ’50, oltre che da Moloney, da Sean Potts (tin whistle), Martin Tubridy (flauto, concertina) e Martin Fay (fiddle).

Per ricordare le difficoltà dell’inizio c’è un aneddoto che vale la pena di ricordare: nonostante la crescente popolarità di cui erano circondati, grazie soprattutto ai loro entusiasmanti concerti, ci sono voluti più di dieci anni prima che ciascun componente della band decidesse di lavorare nei Chieftains a tempo pieno, vincendo così la paura di “costringere le proprie famiglie a un futuro incerto”. Moloney, tanto per fare un esempio, per anni è andato in tournée prendendosi le ferie dal suo lavoro di dirigente d’azienda.

Oggi quella dei Chieftains, il cui organico ha subito diversi mutamenti, è la storia di un successo crescente, testimoniato dalla presenza in cartellone dei festival e di eventi più importanti della sfera musicale. Moloney & C. sono ormai identificati con la musica irlandese tradizionale. E, nonostante la disinvoltura con cui affrontano i repertori più disparati, non si sono mai allontanati dalla strada maestra delle proprie radici: è piuttosto il loro approccio al repertorio, quella speciale attitudine – patrimonio esclusivo dei grandissimi – che consente a un artista di svelare al pubblico più vasto tutti i segreti di un repertorio musicale considerato per pochi. Come Miles Davis con il jazz, “I Chieftains sono i Grateful Dead della musica tradizionale” ha detto Larry Kirwan, cantante dei Black 47, gruppo rock irlandese di stanza a New York.

Il successo dei Chieftains è l’ennesima conferma di quanto sterili possano essere le classificazioni troppo rigide: non a caso ormai nella bacheca sono allineati vari Grammy ottenuti in diverse categorie. Con il passare del tempo il gruppo sembra aver assunto un ruolo da testimonial non solo della cultura irlandese ma, più in generale, della musica popolare e della sua volontà di aprirsi al mercato.

Quanto al lavoro sulle possibili contaminazioni tra il proprio passato e la modernità, i Chieftains hanno raggiunto il massimo della creatività con “Irish Heartbeat” l’album capolavoro inciso con Van Morrison, ombroso quanto geniale patriarca musicale dell’Irlanda del blues, del jazz, del rhythm’n’blues e della sofferta spiritualità.

Van Morrison — Into the Music (1979)

Con lo stesso titolo era uscita nel 1975 una biografia dell’artista. Il titolo giusto per l’album sarebbe stato “Into the Music Again”, perchè esso segna il ritorno della voglia di far musica dopo la pausa triennale e due tentativi poco felici. La voglia di cantare è anche il ritorno a vivere, come indicano i titoli di alcune canzoni: “Bright Side of the Road”, “You Make Me Feel So Free” e “And the Healing Has Begun”, in cui ad essere malato era lo spirito e la medicina è, naturalmente, la musica. La voglia di vivere emerge dalla forza della performance canora, mai così convinta e trascinante (“Divertiamoci mentre possiamo/ Non vuoi aiutarmi a cantare questa canzone/ Dal limite scuro della via/ Al lato luminoso della strada”).

Per produrre questo disco non si badò tanto alle spese, e possiamo ascoltare ottimi musicisti, fra ospiti e membri della nuova band. Innanzitutto arriva, dal giro di James Brown, il sassofonista Pee Wee Ellis, cui il precedente Schrorer non era degno neanche di lustrare le scarpe. Alla tromba il giovane Mark Isham, che negli anni successivi toccherà anche le tastiere. A suonare il violino e la viola c’è la splendida italiana Toni Marcus, il vero solista in questa occasione, che purtroppo non verrà più richiamata per gli album successivi. Si può notare come la batteria sia mixata ad un volume molto più alto che, per esempio, in Tupelo Honey: neanche Van è immune dalle mode. Gli elementi nuovi, che rimarrano a lungo, sono la musica celtica, in “Rolling Hills”, e la religione, in “Full Force Gale” (“Sono stato risollevato dal Signore”).

Con una prima facciata di canzoni veloci ed una seconda di canzoni lente, le nove canzoni (più una coda) mostrano praticamente tutte le facce, gli stili, gli atteggiamenti mentali, i trucchi ed il talento del cantante e dell’autore. Descrivere questa goduria di disco è inutile: va acquistato ad occhi chiusi.

Guerre, sfollati e il sasso nell’acqua

Per scelta in questo spazio condivido le mie passioni: la musica, le foto e qualche scritto qua e là. Non per questo esulo dai fatti del mondo anzi, a onor del vero sono sempre presente su quello che mi succede attorno e molte volte mi trovo incredulo, impotente e… disarmato.
Non saranno certo le canzoni che ascolto e le fotografie che faccio a farmi sentire meglio ma in parte mi concedono qualche spiraglio di benessere.

Un benessere circoscritto, fatto di momenti, di ore, perché poi, la realtà dei fatti che succedono, sia essi personali o mai come adesso “sociali”, riportano i nostri pensieri nell’angolo buio della nostra mente.

Nel mondo, solo tra quelle più grosse, si parla di almeno venti guerre attive, ma quello che sta accadendo alle porte d’Europa attira tutte le attenzioni, forse perché le potenze in scena sono quelle che potrebbero davvero scatenare l’armageddon atomico: solo questo dovrebbe far gridare alla pace.

Se tutti gli sfollati costituissero uno stato, questo sarebbe per numero di popolazione il ventesimo al mondo, con circa lo stesso numero di abitanti dell’Italia e la Romania messi insieme.
Nel mondo sono oltre 82 milioni le persone in fuga da guerre devastanti guerre dimenticate, catastrofi climatiche, discriminazioni.

Ogni paese, ogni persona, ha la sua idea di risoluzione per arrivare alla pace ma finché questa idea non sarà comune, i tempi e i modi accontenteranno e allo stesso tempo scontenteranno una parte di essi.

Rimango sempre dell’idea che, l’aforisma del sasso nell’acqua rimanga la soluzione migliore, la più profonda, la più utile e vera.

“Un sasso gettato nell’acqua genera una serie di cerchi, sempre più grandi. Occorre lanciare il sasso perché le cose accadano, fai qualcosa”.

La motivazione porta all’azione, spinge al fare: se non si getta un sasso nello stagno, l’acqua non fa i cerchi. Stare fermi ed attendere il movimento dell’acqua, significa perdere le opportunità che la vita ogni giorno ci prospetta. Innanzi ad uno specchio di acqua immobile, lanciamo un sasso, anche più di uno, fino a quando il moto dell’acqua non riflette la sagoma dei nostri sogni. Occorre lanciare il sasso perché le cose accadano.

Maggiore è il desiderio di raggiungere lo scopo più forte sarà l’energia impressa nel gesto e il numero di cerchi che si verranno a formare fino a quando non toccheranno la riva più lontana.

Ogni persona, dal suo osservatorio privilegiato, lancerà il sasso in ragione del peso che è in grado di sopportare e della forza che è in grado di imprimere nel lancio in quel preciso istante del tempo.

Per lanciare un sasso serve la motivazione, avere analizzato il contesto e avere chiaro l’obiettivo. Il successo transita da lì. La motivazione deriva dal latino movere, che significa spinta all’azione. Se le persone rimangono sedute e non decidono di alzarsi dopo aver terminato il pranzo, non spingono se stesse verso il cambiamento, togliendo l’opportunità al cameriere di bandire la tavola per il convivio successivo.

La pace inizia prima di tutto nella nostra famiglia e poi via via nel nostro condominio, nella nostra via, nel nostro paese, fino ad arrivare alle altre nazioni. Solo così avremmo delle fondamenta solide, solo così si arriverà ad una vera pace, altrimenti il processo per la pace sarà sempre fragile.

Se dopo due guerre mondiali e innumerevoli conflitti che attanagliano l’umanità da secoli, nel duemilaventidue esistono ancora delle guerre vuol dire che l’uomo continua a sbagliare. Basta leggere la storia per capire, per ricordarci che non abbiamo ancora capito nulla.

Have A Little Faith – John Hiatt #3

Dati

Have a Little Faith in Me è un brano musicale scritto e interpretato da John Hiatt, che appare nel suo album “Bring the Family“.

Dopo sette dischi pubblicati in studio, il primo risale al 1974, nel 1987 incide il suo ottavo album ed è quello che lo porta al successo planetario. Hiatt ha trentacinque anni ed è reduce da una serie di fatti luttuosi che lo mandano in depressione ma grazie ad una cerchia di amici musicisti, registra “Bring the Family” che in qualche modo ne dichiara la rinascita. Un nuovo amore e una nuova vita danno la forza di continuare. Il passato è ieri e oggi è il domani.
Questo disco è un sogno ed è la fine di un incubo.

Tra gli artisti che hanno eseguito la cover del brano vi sono:

Bill Frisell in versione strumentale nell’album Have a Little Faith (1992);
Joe Cocker nell’album Have a Little Faith (1994);
Jewel per la colonna sonora del film Phenomenon;
Jon Bon Jovi per il film Capodanno a New York.
Mandy Moore, che lo ha pubblicato come singolo nel 2003 estratto dall’album Coverage.

Pensiero

Difficile trovare una canzone che non sia all’altezza in questo album, poi facendo una grande selezione, “Have A Little Faith” è probabilmente la più significativa, per il testo e per il suono che il questo caso si limita ad un pianoforte, e che pianoforte!
Piano e voce che per quattro minuti si intrecciano come la trama e l’ordito. Un piano ‘battente’ con pochissime note, quasi a tenere il passare del tempo e la voce profonda e lirica che pochi sanno utilizzare come Hiatt.
Non c’è molto altro da aggiungere su questa canzone, il testo tradotto, come al solito non rende merito al brano ma in qualche modo rende l’idea del momento che sta attraversando.

Quando la strada si fa buia e non riesci più a vedere
Lascia che il mio amore getti una scintilla e abbi un po’ di fiducia in me
E quando le lacrime che piangi sono tutto quello in cui puoi credere
Permetti a queste amorevoli braccia un tentativo e abbi un po’ di fiducia in me
E quando il tuo cuore segreto non riesce a parlare così facilmente
Vieni qui tesoro, inizia con un sussurro ad avere un po’ di fiducia in me
E quando sei con la schiena al muro basta che ti giri e vedrai, tu vedrai
Ti prenderò, fermerò la tua caduta solo abbi un po’ di fiducia in me
E abbi un po’ di fiducia in me beh, ti ho amata per così tanto tempo ragazza
Non aspettandomi nulla in cambio solo che tu avessi un po’ di fiducia in me
Vedi il tempo, il tempo è nostro amico perché non c’è fine per noi
E tutto quello che devi fare è avere un po’ di fiducia in me, ho detto che ti sosterrò, ti sosterrò
Il tuo amore mi dà abbastanza forza perciò abbi un po’ di fiducia in me
Ho detto ehi, tutto quello che devi fare per me è avere un po’ di fiducia in me.

Combinazioni

Rami foglie e ombre gialle,
accordano il trascorrere
dei giorni e del tempo.

Riposo e decomposizione
accompagnano il trapasso
dove s’apre il bosco.

Ruoli che si ripetono nel
ciclo continuo inarrestabile
della vita e della morte.