Vacanze montane #3

Come dicevo nei post precedenti, oltre ai panorami, sono i fiori e le nuvole che più mi affascinano e a cui dedico molto della mia vista o meglio della mia visione. Osservarli e in parte fotografarli mi riempie il cuore e mi emozionano in particolar modo.

Le nuvole, come nel testo di una canzone di De André, “vanno e vengono”, in montagna però difficilmente si “fermano” anzi sono in continuo movimento e con il loro colore bianco formano disegni con forme a volte reali e molto spesso astratte. In qualsiasi caso mi soffermo, magari seduto su una panchina, con la testa in sù, ad osservare il loro “viaggio”, cambiando di secondo in secondo, forma e direzione.

Tre sono i colori che associo alla montagna: il bianco, l’azzurro e il verde. Tre colori che con le sue varianti danno l’esatta idea dell’atmosfera montana. Tre colori predominanti che rilassano e riposano, la vista, la mente, il corpo. Questo è uno dei motivi per cui amo e cerco per quanto è possibile di viverla almeno per alcune settimane all’anno.

Siamo davvero fortunati noi italiani ad avere e a poter godere di questa natura senza doversi spostare più di tanto. Le dolomiti al nord, il mare che costeggia per la maggior parte e le zone collinari al centro, rendono la nostra penisola, degna d’orgoglio, e sto parlando solo di ‘natura’ senza tenere conto dei borghi, della storia ecc, ecc. e qui la lista si allunga non di poco.

Vacanze montane #2

Dopo il primo post di qualche giorno fa, in questo pubblico altre quattro foto di ‘panorami’ della Valgardena. Visioni ampie, di grandi spazi, dove l’occhio senza poter mettere esattamente a fuoco, chiede aiuto alla fantasia.
Queste visioni, incredibilmente magnifiche, non possono far restare indifferente la mente, che, inebriata, gioisce e serena naviga pensando alla bellezza della natura, alla sua grandezza.

Nella prima foto, il gruppo del Sella, bello e famoso per essere posizionato tra le valli Gardena e Badia (provincia di Bolzano – Alto Adige), la Val di Fassa (provincia di Trento – Trentino) e Livinallongo (provincia di Belluno – Veneto). Per accedervi dalla Valgardena si deve andare obbligatoriamente a Selva e prendere l’unica strada che porta ai passi di Valgardena (per poi andare a Colfosco, Corvara e tutta l’Alta Badia) o il Sella (per poi andare a Canazei e la val di Fassa).
La bellezza di Selva di Valgardena sta nell’avere alle sue spalle (ad est) questo grande massiccio roccioso, imponente, maestoso e per certi aspetti ‘freddo’ e davanti (ad ovest) tutta la valle aperta e verdeggiante, distensiva ed idilliaca.

Nella seconda foto, siamo al centro della Valgardena ed esattamente a Santa Cristina, a nord c’è il monte Pic. La sua peculiarità sta nella generosità di regalarci dei panorami fantastici. A sud c’è questa visione, sempre presente, come fosse un faro che illumina la valle, il Sassolungo e al suo fianco il Sassopiatto.
E’ difficile che il Sassolungo sia completamente libero dalle nuvole per un giorno intero. Nelle ora lontane da mezzogiorno anche con il tempo bello è attorniato da nubi che in caso di maltempo diventano scure e minacciose.

La terza foto da il senso o meglio da proprio l’idea di come si presenti nel complesso la Valgardena, un mix è il termine giusto. La montagna nel suo complesso si presenta in varie forme, la montagna ‘rocciosa’, dove il verde dei prati e dei boschi non è predominante, la montagna ‘verdeggiante’, classica degli altopiani, e poi c’è questa, un mix di entrambi. Praticamente c’è tutto; i pati verdi, i boschi stracarichi di vegetazione, l’acqua dei torrenti e le rocce spoglie ed imponenti.

La quarta e ultima foto è stata scattata al tramonto, con il sole alle spalle che illumina le alte cime, creando dei colori emozionanti, che cambiavano con il passare dei minuti, dal giallo chiaro e via via verso il rosa, l’arancio e il rosso. Una visione indescrivibile che la foto non riesce a trasmettere ma credetemi, immagini dal vivo come queste rimangono impresse per sempre.

Prigione

Fuori nubi sottili, settembrine, dentro mura dense, solide. Non soffro di ‘prigionia’ anzi, con il verde che circonda la casa, le opportunità di aria e natura non mancano, ma la scorgo negli occhi incrociati di anonimi passanti e un po’ mi rattrista. Basterebbe poco per aver gioia della vita; i raggi di sole che avvisano l’inizio del giorno, il profumo del sugo che arriva dalla cucina, la telefonata inaspettata di una persona cara e soprattutto sopra ogni cosa, il saper di stare in salute. Troppe volte ci si dimentica di quando poco basti far sorridere i nostri occhi, farli evadere da quella ‘prigione’ che è dentro la nostra mente.

Vacanze montane #1

Amo la montagna e quindi tutti i suoi derivati: aria, boschi, nuvole, prati, silenzio, fiori e tanti altri aggettivi…
Quest’anno come ‘regalo’ per la fine lavorativa durata 43anni, mi sono sistemato in un appartamentino a S. Cristina in Valgardena (1430 m s.l.m.) per un periodo di due mesi. Lontano dal caldo, dall’afa, dall’aria condizionata, dalle zanzare, dai rumori serali che in estate disturbano il sonno e non solo, mi sono goduto appieno l’offerta emozionante che la montagna offre. E chiaramente non sono mancate le fotografie che, inevitabilmente pubblicherò un po’ alla volta in questo blog.

Queste prima tre (e ne seguiranno altre tre) non sono proprio nel mio stile in quanto ai panorami preferisco i particolari e questo vale anche a livello psicologico e nella vita quotidiana.
La prima (foto sopra) mostra l’inizio della Valgardena, da Ortisei verso il Gruppo del Sella. Il paesotto che si vede è Ortisei, il più “caotico” tra virgolette, nel senso che, essendo il più ricco come offerta turistica, nei mesi estivi i turisti certo non mancano. Forte anche della presenza dell’ovovia che porta ai 2000 metri all’Alpe di Siusi, uno dei posti più incantevoli delle dolomiti.

In questa seconda si vede S. Cristina in Valgardena che è quella in ‘mezzo’ alle tre, la più tranquilla in assoluto. L’offerta turistica a livello di strutture ricettive: Hotel, Garni, Pensioni e Appartamenti non manca, ma più modesta di Ortisei e Selva e quindi la presenza turistica permette di trascorrere una vacanza non certo caotica.

Nella terza foto si vede Selva di Valgardena da S. Cristina. Con i suoi quasi 1600 metri s.l.m., è probabilmente il posto più bello come panorama della Valgardena. Insediato sopratutto sulla strada principale, il traffico nei mesi estivi assai movimentato qualche disagio lo crea. Per soggiornare in tranquillità è consigliabile alloggiare ai lati, dove anche qui, l’offerta turistica è molto ricca.

Nella Valgardena le priorità sono essenzialmente due.
La prima è la bellezza montana data dalle sue cime: il Sasso Lungo, il Sasso Piatto, il gruppo del Sella, il Monte Pic, il Catinaccio, lo Scilliar, l’Alpe di Siusi, e naturalmente non mancano i boschi, i sentieri che portano a rifugi con varie difficoltà di arrivo.
La seconda è l’offerta sportiva. Sicuramente per gli amanti dello sport invernale (sci) ed estivo (E-Montain Bike) la Valgardena offre con i suoi molteplici impianti di risalita decine di km di piste per sciare, compresa la pista della Coppa del Mondo di discesa libera che si svolge intorno a metà dicembre. Capitale montana per gli amanti delle escursione in bici (Mountain Bike Elettric) la Valgardena offre un’invidiabile chilometraggio come poche altre località montane. (segue)

Forte

Avere un animale domestico in casa, come il mio ‘Forte’, un puro meticcio di 17 mesi, mi porta spesso a sottili riflessioni, tutte scontate per chi possiede un cane, forse meno per chi non lo ha.
L’amore incondizionato fatto di sguardi, leccate, scodinzolii e contatti è impagabile. L’impegno di nutrirli, giocarci, portarli a sgambettare, pulirli e curarli, sono poco in confronto alla gioia che dimostrano al tuo arrivo dopo un’assenza.
Certo, la quotidianità non è più la stessa, me ne sono reso conto in questo anno e mezzo. Il muoversi soprattutto, le spese al supermercato, il mangiare al ristorante, l’alloggiare in albergo, le vacanze e via via, non tutto è possibile, i limiti ci sono e non pochi. Le rinunce non mancano e tutto non si puo’ fare come prima, bisogna cambiare, abituarsi a nuove soluzioni. (continua)

Il silenzio

Abituati al rumore assordante della città, al vociferare continuo nelle vie, nei negozi, negli uffici, al parlare per riempire i momenti in convivialità e condivisione, ci dimentichiamo molto sesso dell’importanza del silenzio. Eppure il silenzio è un’altra forma di linguaggio, quella più intima e vera. Solo nel silenzio i filtri scompaiono, i pensieri sono nudi e senza condizionamenti. Il silenzio è il miglior compagno, il nostro vero e sincero amico a cui possiamo confidare tutto anche quello che facciamo fatica dire a noi stessi.

Van Morrison — Saint Dominic’s Preview (1972)

Van è stato estremamente geloso della sua vita privata. Si sà che in quest’anno il suo matrimonio entrò in crisi e presto giunse al divorzio. Come tutti i libri su Van raccontano, i dolori d’amore lo fecero tornare quello di Astral Weeks. D’altronde certe composizioni e certe esecuzioni non le puoi costruire a tavolino, devono venire da sole. Dal ’72 al ’74 Van calerà sul mercato un poker di capolavori, di cui questo è il primo.
Tre lunghe composizioni, reminescenti quelle di Astral Weeks, dominano l’album. Rispetto a quel disco, il suono qui è più spoglio, poggiando su chitarre acustiche e piano. Questo ne diminuisce il carattere onirico e ne sottolinea quello drammatico. Il testo di “Listen to the Lion” è chiarissimo: l’autore, distrutto dalle pene d’amore, deve guardare nel profondo della sua anima, per ascoltare il leone che vi è racchiuso. Il leone gli dice che i suoi antenati lasciarono la Danimarca per incominciare una nuova vita in “Caledonia” e che lui, quale loro discendente, ha dentro di sè la forza per non lasciarsi abbattere dalle difficoltà della vita. Quanto ci impieghereste per dire queste quattro frasi? Van le centellina in ben dieci minuti. La performance vocale è letteralmente… ruggente! Con questa canzone Van smette di comporre con l’inconscio e smette di emulare Dylan. C’è sempre lo stream-of-consciousness, ma è diverso da prima. Prima erano i ricordi ad affiorare da soli, ora è la volontà che, lucidamente, esplora e guida la mente. Questo stile non sarà mi abbandonato, ed avremo tanti seguiti a questa canzone. Più spesso, al posto della storia dei progenitori, vi sarà la propria infanzia.
Nel brano “Saint Dominic’s Preview” c’è un lunghissimo giro di parole e immagini prima di dire di aver visto, davanti ad una chiesa, la gente che marciava per la pace in Irlanda del Nord. Che io sappia, è l’unico brano da lui dedicato all’argomento. In “Almost Indipendent Day” si racconta invece di una serata felice passata in giro con la moglie. Se qualcuno legge il testo senza ascoltare il brano pensa che si tratti di una canzone serena e felice, perchè il racconto si svolge nel presente. Solo la musica e l’interpretazione fanno capire che si tratta del ricordo di un passato che non tornerà più. E’ illuminante sapere come nacque la canzone. Squillò il telefono in casa Morrison e la centralinista disse che c’era una chiamata dall’Oregon da parte di un suo ex-compagno dei Them. Quando la telefonata fu passata, dall’altra parte non rispondeva nessuno. A Van vennero in mente i versi: “I can hear Them calling way from Oregon/ And it’s almost Independence Day”. Vien da ridere pensando al tempo perso da qualcuno nel tentativo di scoprire il significato nascosto delle canzoni!
Questo disco è l’esatto contrario del concept-album. E’ una raccolta di canzoni eterogenee, registrate in momenti diversi, con stili e con musicisti diversi. Le capacità canore di Van danno prova di essersi affinate con passaggi di canto “scat” ultrarapido.
C’è da dire, a proposito della Caledonia, antico denominazione della Scozia, che Van dà questo nome alla sua orchestra accompagnatrice del periodo ed al suo nuovo studio di registrazione privato. Caledonia è anche il secondo nome della figlia Shana, del negozio di dischi dei genitori di Van…

Spazio

C’è un senso di libertà,
nel vasto spazio verde azzurro,
che ognuno dovrebbe sentire.

Solo il bianco mutevole,
cambia il senso dello spazio,
sulla versione del mondo.


*alla mia amata montagna