Isola di Burano

Burano (Venezia) è, senza possibilità di smentita, l’isola veneziana e non solo più fotografata in assoluto. La quasi totalità dei turisti che la visitano ci vanno per fotografarla. La sua peculiarità sono le case colorate che riempiono le calli, le vie, le corti e i “campi” affacciati alla laguna e non.
Famosa anche per i merletti, la grande varietà di colori rende isola di Burano, straordinariamente suggestiva ed emozionante. La sensazione che crea una sua escursione è di un eccitamento visivo naturalmente tangibile.
Una gita in questa isola è indiscutibilmente consigliata.

Gialli

E’ a fine giugno primi di luglio che questo “Hypericum calycinum” da la sua massima fioritura. Non è difficile vederne a grandi cespugli nelle vie, negli angoli e negli spazi cittadini. Questo sempre verde in questo periodo si esibisce dando il massimo di se e riempiendo il nostro lato più sensibile nella visione della natura.

Peace & Love

L’immagine non è perfetta, la leggera sfocatura la rende un po’ debole ma in questo caso è il messaggio che più conta, messaggio che naturalmente debole non è. Ci siamo seduti “fatalità” su uno dei tantissimi tavoli all’esterno di uno dei ristori del Forte Marghera e in un angolo di questo tavolo era impresso questo simbolo. Questa rappresentazione in voga soprattutto negli anni settanta e ora quasi obsoleta ma invece andrebbe ancora ripresa, visto le guerre i disordini e i malesseri assai presenti in ogni parte del mondo.

Papaveri

Ogni stagione ha i suoi colori. L’autunno con i gialli e marroni e tutti i loro varianti è probabilmente la stagione con la massima espressione colorata naturale. L’inverno si sa è la stagione dormiente, di riposo e quindi anche i colori se ne stanno in letargo. L’estate con l’esplosione di luce e di caldo, la natura si mette a riparo e di conseguenza i colori vanno ricercati. La primavera infine è la rinascita e con essa anche i colori si rigenerano. In poco tempo le foglie riempiono gli alberi e l’erba nuova i campi, di conseguenza i “verdi” sono predominanti in tutto e per tutto. Quando però ci sono delle fioriture colorate come in questo caso, la visione è di una straordinaria bellezza.

Dopo la pioggia

Dopo una pioggia la natura acquista un fascino indescrivibile. Nelle foglie, soprattutto quelle a forma larga, con le gocce d’acqua che prendono la forma di lacrime, danno un senso di naturale bellezza.
La natura nella sua semplicità, sa donarci grandi emozioni.

Viola

E’ solo una questione di “vista”. Cammini, un cespuglio con delle foglie color viola intenso ti passa davanti, inatteso, interessante e molto particolare, aspetta solo di essere fotografato.
Il bello di usare un cellulare come “mezzo” fotografico è dato dalla praticità di averlo sempre con se e quindi sfruttarne la tempistica.

Giallo & Nero

In compagnia del cane Forte, seduto su una panchina, per terra, vicino ai piedi, una foglia gialla dalla vecchiaia, risalta su un fondo nero fatto di terra e residui vegetali di non recente permanenza. Inevitabilmente questo “quadro” colpisce il mio sguardo e naturalmente lo “blocco” con il mio cellulare.
Nulla di straordinario, solo un semplice attimo che la mente inquadra e la tecnica ricorda.

Rugiada

Una delle tantissime bellezze naturali è sicuramente la rugiada marcatamente visibile sulle foglie alla mattina quando il sole non ha ancora iniziato a scaldare. E’ un’immagine che regala emozione e che dimostra quanto la natura sia perfettamente creata in ogni suo minimo particolare.

Il cielo sopra di me

Amo fotografare il cielo, credo che ci siano poche spettacolari visioni che cambiano in continuazione come le nuvole. La pianura dove abito non regala certamente le stesse emozioni che regala la montagna ma a volte dopo un temporale anche le nuvole “padane” sono gentili e sanno offrire il meglio di loro.